Il passato di Valentino: PFW 2018.

Tra gli articoli dedicati alla Paris Fashion Week dopo Dior non poteva mancare l’impeccabile Valentino.

Il direttore creativo della maison italiana, Pierpaolo Piccoli, descrive questa nuova collezione con una frase sola: “L’alta moda è speciale perché è fuori dal tempo”.

La collezione primavera-estate 2018 che ha sfilato nei saloni dell’Hotel Salomon de Rothschild si esprime tramite il concetto per il quale il futuro della couture si dovrebbe ricreare tramite le sue origini. Anche questo evento ha celebrato ancora una volta il talento di Piccioli e la sua capacità di saper guardare con occhi nuovi al passato per narrare attraverso le sue creazioni una storia e il suo sogno.

Durante la sfilata di possono ammirare fin da subito i meravigliosi colori come il verde, il viola, l’ocra, il nude, il fucsia, il nero, il giallo e il rosso. Colori abilmente accostati ad abiti dalle lunghezze morbide e sinuose con strascichi, bustier con maniche a sbuffo e altri ancora con gonne ampie.

Senza vale1

Inseriti negli abiti i materiali utilizzati sono stati il cachemire, il taffetas, la seta, le piume, lo chiffon, il pizzo, la pelliccia e le paillettes. Materiali tutti finamente inseriti nei look, che le modelle mostravano al pubblico, con abilissima delicatezza.

La grande capacità della couture di Valentino parte infatti dall’atelier dove l’artigianalità raggiunge il suo apice, in cui mettono radici mani sapienti capace di cucire con la massima finezza rendendo unico e speciale ogni capo.

Questa collezione, dal gusto senza dubbio glamour, viene mostrata all’oggi diventando intima e personale, perfetta nella sua primordiale bellezza

valeù.jpg

Cosa ne pensate di questa collezione? Non pensate anche voi che più andiamo avanti con il tempo più ci ispiriamo al nostro passato? Fatemelo sapere nei commenti.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Advertisements

Una Challenge Floreale.

Prima d’ora non avevo mai partecipato a una challenge di illustrazioni, quindi ho deciso di illustrare questo #FloralFeb.

Come penso molti di voi sappiate, anche tramite i miei social, io sono un illustratrice che a breve pubblicherà anche il suo primo libro. Ma prima di questa challenge era abbastanza restia a pubblicare i miei lavori, così ho pensato di mostrare finalmente l’ultima mia passione, l’illustrazione.

Prima di mostrarvi i miei disegni ho due premesse, la prima è che ho sbagliato assolutamente le date di pubblicazione rilasciandone uno ogni giorno invece che un giorno si e un giorno no, e la seconda è che ho voluto dare il mio tocco di amante dell’haute couture inserendo in ogni illustrazione un vestito d’alta moda, ovviamente abbinandolo al fiore di quel giorno.

Iniziamo.

Il primo giorno era dedicato al tulipano, il mio fiore preferito, e ho deciso di abbinarci vestito di Dior.

tulipano.jpg

Il secondo giorno era dedicato all’anemone, abbinandoci un vestito di Valentino.

anemone

Il terzo giorno è stato il giorno dell’hibiscus, abbinandoli un vestito di Gucci.

ibiscus

Il quarto giorno è stata la volta della primrose a cui ho abbinato un vestito di Elisabetta Franchi.

primrose

Il quinto giorno era dedicato alla paonia e ho deciso di abbinarci un vestito di Chanel.

peonia

Il sesto giorno fu quello dell’holly hock a cui ho abbinato un vestito di Miu Miu.

holly

Il settimo giorno era dedicato al cherry blossom, con un vestito di Louis Vuitton.

cherry blossom

L’ottavo giorno era dedicato alla rosa a cui ho abbinato un vestito di Eliee Saab.

rosa

Il nono giorno era dedicato alla protea con un vestito di Valentino.

protea

Il decimo giorno è stato quello del girasole a cui ho abbinato un vestito di Salvatore Ferragamo.

girasole

L’undicesimo giorno era dedicato al cactus a cui ho pensato di abbinarci un vestito di Moncler.

cactus

Il dodicesimo giorno era dedicato al lupine, con un vestito di Alberta Ferretti.

lupine

Il tredicesimo giorno di questa challenge era dedicato all’orchidea a cui ho abbinato un vestito di Prada.

orchidea

Il quattordicesimo giorno era la volta della camation con un’altro vestito di Valentino.

roba nuova

E l’ultimo giorno, il quindicesimo fu il giorno dedicato alla pansy con un secondo vestito di Eliee Saab.

ultimo

Siamo arrivati all’ultimo disegno di questa challenge ed io spero davvero che vi sia piaciuta e che vi sia piaciuto anche il mio tocco di haute couture che ho inserito nelle illustrazioni.

Cosa ne pensate? Vi piacciono le mie illustrazioni? Fatemi sapere qui sotto nei commenti cosa ne pensate di questa challenge.

Come sempre spero vi sia piaciuto, a presto.

G.

Cos’è l’Haute Couture per me?

L’alta moda non è solo sinonimo di estremo lusso, ma piuttosto di sogno e di desiderio.

L’unicità della produzione, la cura dei dettagli e la vera maestria fanno dell’haute couture un mondo irraggiungibile. Le collezioni diventano i mezzi reali per entrare in un mondo parallelo, irrisorio e lontano, quasi intoccabile.

Come penso ormai sappiate per me l’arte ha moltissimi catalizzatori con cui esprimersi e per me l’haute couture lo è sicuramente. Se indossaste un abito di quella fattezza vi darebbe senza dubbio un brivido di un’immersione in una realtà lontana, quasi onirica.

A differenza del ready-to-wear, l’alta moda accantona ogni tipo di praticità, diventando una vera e propria forma d’arte nel senso pratico come potrebbe essere la scultura, con l’unico scopo di generare bellezza.

L’haute couture si potrebbe anche definire un branca della filosofia della moda. Effettivamente dovreste convenire con me che è più semplice comunicare delle sensazioni attraverso degli abiti liberi da ogni tipo di restrizione legata alla realtà.

Quando ammiro quegli abiti non vedo solamente i capi dell’alta moda, ma piuttosto cerco di comprendere i concetti e i sentimenti dietro la loro estetica.

houte.jpg

Senza contare il fatto di chi ci sia dietro a questi meravigliosi concetti legati a degli abiti. I designer che si dedicano a realizzare collezioni sempre nuove in tempi record ricordando che il mondo non è mosso solamente dal vile danaro ma anche e soprattutto dalla passione in ciò che si fa, per me è un concetto fondamentale, ed è uno dei motivi per cui nonostante le difficoltà dedico il mio impegno e condividendo il mio pensiero sia giusto che sbagliato.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

L’amore e l’outfit perfetto.

In questo periodo di certo non sono l’unica a parlare della festa degli innamorati ed essendo anche io ben felice di festeggiarlo insieme alla mia dolce metà ho pensato di realizzare qualche outfit particolare per essere al top, e il colore del giorno? Il rosso ovviamente!

Ma prima vorrei condividere con voi il sito Giglio in cui ho trovato i pezzi per realizzare i miei outfit, dategli un’occhiata perché ha molti capi veramente bellissimi ed a ottimi prezzi.

Adesso iniziamo con il primo outfit dedicato a questo San Valentino.
Per questo outfit ho scelto qualcosa di più sportivo inserendo il marsupio rockstud spike di Valentino e le sneakers di Michael Kors, ma comunque rimanendo sul classico con il blazer di Moschino e i pantaloni a vita alta di Elisabetta Franchi.

Ho pensato a chi volesse farsi una bella passeggiata al centro o per negozi con il proprio compagno, anziché una serata al ristorante. Secondo me è il look perfetto.

outfit 1

Primo outfit:
Blazer: https://www.giglio.com/abbigliamento-donna_giacca-corta-bouclet-con-bordi-spalmati-contrasto-moschino-couture-05105418.html?cSel=001
Pantaloni: https://www.giglio.com/abbigliamento-donna_pantalone-crepe-vita-alta-tasche-america-elisabetta-franchi-pa11981e2.html?cSel=002&ref=CP
Sneakers: https://www.giglio.com/scarpe-donna_sneakers-sneaker-slip-on-willa-pelle-con-stampa-pitone-macro-fiocco-contrasto-michael-michael-kors-43t7wifp1ewilla.html?cSel=022
Marsupio: https://www.giglio.com/borse-donna_borsa-a-spalla-rockstud-spike-pelle-marsupio-valentino-garavani-pw2b0b45nap.html?cSel=014

Per il secondo outfit ho pensato invece a qualcosa di più elegante per una serata al cinema o un aperitivo. Rimanendo sul semplice ho inserito come dettagli questa splendida borsa rossa di Fendi e un décolleté vernice di Jimmy Choo.

Per rendere un look elegante non è necessario mettere per forza tacchi alti o indossare un capo color nero, basta anche una camicetta particolare e una borsa che metta in luce il resto dell’outfit per essere perfetta.

La camicetta che ho pensato fosse perfetta per questo look è di Elisabetta Franchi a cui ho abbinato un pantalone a sigaretta di Patrizia Pepe.

fendi.jpg

Camicia: https://www.giglio.com/abbigliamento-donna_camicia-elisabetta-franchi-ca00576e2.html?cSel=044
Pantaloni: https://www.giglio.com/abbigliamento-donna_pantalone-patrizia-pepe-2p1052a2wm.html?cSel=001
Tacchi: https://www.giglio.com/scarpe-donna_decollete-bridget-85-verniciata-con-punta-tonda-jimmy-choo-bridget85pat.html?cSel=226
Borsa: https://www.giglio.com/borse-donna_borsa-com-mini-pelle-matelasse-con-tracolla-catena-fendi-8bn299u9m.html?cSel=014

L’ultimo e terzo look che ho realizzato l’ho pensato per una festa con la propria dolce metà e gli amici.

In questo outfit avrete notato che non c’è nemmeno un pò di rosso, ma quando ho visto questa borsa di Miu Miu ho deciso di includerla nell’articolo. Quindi abbinandola a un paio di décolleté mary jane in velluto sempre di Miu Miu e questo vestito rosa di MaxMara, secondo me, ho realizzato un look perfetto per una sera fuori.

miumiu

Vestito: https://www.giglio.com/abbigliamento-donna_abito-manolo-senza-maniche-con-fiocco-dietro-crepe-di-seta-max-mara-82260178000.html?cSel=014
Borsa: https://www.giglio.com/borse-donna_borsa-mini-pochette-grande-madras-con-stampa-pitone-maxi-chiusura-logo-girello-miu-miu-5bf066oo12bo7.html?cSel=010
Tacchi: https://www.giglio.com/scarpe-donna_decollete-mary-jane-tacco-8-5-velluto-con-fibbia-perle-miu-miu-5i098b3i3u.html?cSel=088

Cosa ne pensate di questi outfit? Li indossereste? Fatemelo sapere in un commento qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Valentino Primavera Estate 2018.

A Parigi Valentino sorprende tutti con uno stile sportwear diverso da tutti gli altri.

Pier Paolo Piccioli porta nel couture uno stile sportswear lussuoso ma a tratti eccentrico. Nell’atelier Valentino, il look utility si trasforma in un esperimento sofisticato e glamour con velluto, crêpe de chine, organza, pelle, vernice, paillettes, seta, taffetà e chiffon.

Senza tralasciare gli accessori come, scarpe in velluto con tacco a spillo, maryjanes con tacco ricurvo in plexiglas e slip-on a calza ricamate.

Una collezione a tratti raffinata e moderna, dove il dinamismo e la varietà di colori tra il rosa, pistacchio, lavanda, beige, nero, girasole, ghiaccio, cerise e bordeaux crea un gusto così squisitamente Valentino che esprime delicatezza e femminilità.

Nella collezione d’ispirazione sportwear le asimmetrie creano un connubio perfetto con l’haute couture tramite, volants, abiti lunghi a tablier di linea ampia, abiti romantici ricamati con motivi floreal e parkas, blousons, cargo pants e tank-tops con dettagli in paillettes.

valentino

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.