Le mie Estati

Le mie estati sono sempre state un momento in cui la mia vita rallenta il ritmo costante dei mesi freddi. Come un pò per tutti credo.

Quando ero più piccola, dopo la fine delle scuole, io e la mia famiglia andavamo al mare in Toscana. In quelle estati sembrava che il tempo si fermasse, perché il posto in cui andavamo era una piccola cittadina staccata da tutto, quindi mi dava l’idea di essere in una “dimensione parallela” fatta solo per l’estate.

File_000.jpeg

Non so se ho reso l’idea. Tipo come The Truman Show!

Invece crescendo, quella “dimensione parallela”, è andata sempre più scemando. Le estati si sono trasformate in momenti di quotidianità perché, rimanendo a Roma, quel senso di cambiamento e di aria fresca si è interrotto.

Poi c’è stato il liceo, in cui, visto il mio poco interesse in materie come la matematica o la chimica, mi costringevano a passare le mie estati sui libri per recuperare i debiti.

Quel periodo sembrava non finire mai!

E così le mie estati sembravano sempre meno eccitanti e sempre più monotone finché, grazie a Cristina, Federica e Caterina sono riuscita a sfiorare di nuovo quel senso di “dimensione parallela”.

Nel quarto liceo andammo a Gualdo Tadino, la foce della Rocchetta, dove Cristina ha una casa. E’ stata una vacanza fantastica e abbiamo messo in conto di rifarla!

994815_10200549372549533_304899854_n
Si, in questa foto avevo ancora i capelli corti.

In quinto liceo dopo gli esami, con la mia dolce metà, conosciuto qualche mese prima, inizia il periodo in cui l’estate torna ad essere quel periodo magico in cui sfiori un’esistenza trascendentale. Forse sto esagerando, ma l’idea è quella!

Grazie a lui tutti i giorni, per ormai tre anni, il mare è stata la mia seconda casa e dove stava il mio cuore, ovviamente.

E ora come ora lì sono diventata di casa, salutata e conosciuta da tutti, che ogni anno sembrano essere sempre più felici di vedermi. E’ una bella sensazione!

L’estate che sto affrontando adesso è un pò diversa e lo saranno anche le prossime. Ormai sia io e che la mia metà studiamo e lavoriamo, quindi il mare lo vediamo meno, ma sappiamo che la nostra piccola “dimensione parallela” è sempre là ad aspettarci.

File_000.jpeg

E voi come passavate le estati? E’ cambiato qualcosa nel corso degli anni?

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Advertisements

I miei preferiti di Giugno

Un altro mese è praticamente finito e si iniziano a intravedere l’estate nei suoi mesi più caldi, e anche in questo mese  stressante ho trovato tante chicche di cui vorrei parlarvi.


Sor_Juana_Inés_de_la_Cruz_(1772).jpgIniziamo dai film e le serie tv. Netflix mi ha consigliato una serie in lingua originale con i sottotitoli che in realtà non avevo intenzione di vedere invece mi è piaciuta molto. La serie tratta della storia di questa donna messicana, Juana Inés, una religiosa  poetessa, appartenuta all’ordine di San Girolamo, famosa per le sue poesie, commedie e lettere. La serie mi è piaciuta principalmente per il fatto che non è stata lasciata nella lingua originale e questo ha dato un gusto realistico a tutto quanto un’altra cosa che mi è piaciuta è stata la linea temporale frammentata tra il presente che viviamo e il futuro della protagonista.

Ep109_Genius_007.jpg

L’altra serie, che è stata una delusione purtroppo, è la serie adesso in onda su Sky, “Genius”. La serie dedicata appunto al genio, Albert Einstein. Non mi fraintendete, ho apprezzato la serie nel suo ricreare le dinamiche sentimentali della vita di Einstein ma alcune disattenzioni nei confronti della trama o della cura dei personaggi o del cast mi hanno lasciato un filo di amaro in bocca, dopo che all’inizio l’avevo apprezzata veramente molto.

Invece arriviamo al mio film preferito dell’ultimo mese, che ho rivisto almeno una decina di volte, sto parlando di “L’ultima Parola”. Un brillante Bryan Cranston interpreta la storia dello sceneggiatore Dalton Trumbo durante gli anni quaranta. Come appassionata della storia di Hollywood durante i suoi anni d’oro c’è poco da dire, ho adorato la ricostruzione degli eventi e dei personaggi utilizzando a volte vecchie riprese di quel periodo. E come ogni film che può essere letto come una denuncia o una rivendicazione dei fatti realmente accaduti ne confronti del cinema, non può non piacermi, quindi vi consiglio vivamente di recuperarlo!

52788.jpg


Adesso passiamo ad due prodotti che, da quando ho comprato, non riesco a smettere di usarli.  Sto parlando di questo fantastico mascara della Rimmel e di questo rossetto nude della Wycon!

19576115_1621617697849348_1046037089_n.jpg

Ho passato un notevole periodo a utilizzare mascara solamente marroni, per lasciare le mie ciglia più naturali. Adesso voglio rendere più intenso il mio trucco con un bel mascara nero che rende più folte le mie ciglia senza appiccicarle tutte insieme. Per quanto riguarda il rossetto, è il numero 602 e mi piace molto perché riesce a idratarmi le labbra, ha un’ottima resistenza e il colore si adatta a qualsiasi tipo di makeup.

E ultimo ma non meno importante il charm di Pandora simbolo dell’artista, che la mia dolce metà mi ha regalato per il nostro anniversario. Coloratissimo e dolcissimo ha subito fatto amicizia con gli altri charm.

19688596_1621622147848903_200994260_o.jpg


Voi avete visto le serie che ho seguito? Cosa ne pensate? Anche voi usate il mio stesso mascara? Preferite un mascara marrone o nero?

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Un antiquario stupendo!!!!

Stamattina mia madre mi ha portato in uno splendido negozio di antiquariato e vorrei parlarvene!

Per chi non lo sapesse un antiquario è un negozio di oggetti di antiquariato, cioè di libri, mobili, opere d’arte e oggetti antichi.

Antiquario.jpg

Questo nello specifico è un antiquario di oggetti provenienti dall’India e dall’Inghilterra.

Sono rimasta sbalordita dalla quantità di mobili e oggetti vari posizionati accuratamente per le varie stanze di questa villa. In certi momenti mi sembrava di essere in un mercato nel centro di Nuova Delhi, in altri in una sala da pranzo vittoriana!

Gli oggettini che mi hanno attratta di più sono stati, un piccolissimo cavalluccio a dondolo che mi ha ricordato la mia infanzia, una mappa vittoriana veramente particolare e una tavola imbandita con un piccolo ombrellino bianco 16934216_1487576931253426_1278305601_n.jpgdi cui non ho ben capito l’utilizzo!

Un’altra cosa che mi ha colpito molto è stata  la cura con cui i vari gioielli sono stati esposti tra i vari mobili antichi!

Non soltanto in base allo stile o alla stanza in cui erano collocati ma anche in base ai vari colori. In uno scaffale ce ne erano svariati rossi e in un altro, nella stanza dopo, diversi con varie tonalità di verde abbinati ai mobili presenti.

Veramente adorabili!

Ovviamente non siamo potute andare via senza prendere qualcosa! Per la casa mia madre ha preso questo globo decorato con lune e stelle che proiettano la luce della candela e per me un simpatico braccialetto dorato. Certo fa un pò a cazzotti con il mio Pandora e il mio braccialetto del battesimo, ma è troppo carino!!!!

antiquaeiay.jpg

A voi piacciono i negozi di antiquariato? Che ne pensate dei miei acquisti?

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.
G.