Un outfit rigido per un clima abbinato.

Negli ultimi giorni le temperature sono state pressoché critiche per chi ormai aveva rimesso nell’armadio guanti e capelli.

Quindi ne approfitto per mostrarvi un outfit che personalmente mi tiene sufficientemente al caldo e non mi impedisce di essere un minimo chic, secondo i miei desideri. Ovviamente il mio stile non mi impone di essere eccessivamente minimal ma nel mio gusto questo può ritenersi un outfit sufficientemente chic.

Quindi tornando al fatto che le temperature non permettono nessun outfit che non abbia minimo 10 strati, partiamo dal dolcevita grigio che ho abbinato a una semplicissima felpa con il cappuccio prova di scritte o di fantasie, come ho detto prima tendo a scegliere uno stile molto minimal perché lo preferisco di gran lunga, anche se non ho paura di abbinare e creare qualcosa di più particolare.

Per i pantaloni ho scelto un paio a vita alta con la gamba leggermente svasata dal ginocchio in giù, di un mogano molto intenso che mi piace moltissimo. Mentre per le scarpe ovviamente ho messo le mie amatissime Vans a scacchi. Sono comode anche se in questo caso forse non proprio adatte per la neve.

Sopra a questo minimal outfit ho abbinato il mio piumino di Monlcer che mi protegge più che bene dalle temperature rigide ed è anche molto chic. A me piace molto perché penso sia un capo molto versatile che può essere abbinato sia a un look elegante che a uno più sportivo.

IMG_20180301_183317_830

IMG_20180301_183430_110

IMG_20180210_213940_711

Cosa indosso:

Dolcevita di Zara.
Felpa con cappuccio. Simile.
Pantaloni a vita alta. Simile.
Vans a scacchi.
Piumino Moncler.

Cosa ne pensate del mio outfit? Avete apprezzato il gioco di parole nel titolo? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Advertisements

Una Challenge Floreale.

Prima d’ora non avevo mai partecipato a una challenge di illustrazioni, quindi ho deciso di illustrare questo #FloralFeb.

Come penso molti di voi sappiate, anche tramite i miei social, io sono un illustratrice che a breve pubblicherà anche il suo primo libro. Ma prima di questa challenge era abbastanza restia a pubblicare i miei lavori, così ho pensato di mostrare finalmente l’ultima mia passione, l’illustrazione.

Prima di mostrarvi i miei disegni ho due premesse, la prima è che ho sbagliato assolutamente le date di pubblicazione rilasciandone uno ogni giorno invece che un giorno si e un giorno no, e la seconda è che ho voluto dare il mio tocco di amante dell’haute couture inserendo in ogni illustrazione un vestito d’alta moda, ovviamente abbinandolo al fiore di quel giorno.

Iniziamo.

Il primo giorno era dedicato al tulipano, il mio fiore preferito, e ho deciso di abbinarci vestito di Dior.

tulipano.jpg

Il secondo giorno era dedicato all’anemone, abbinandoci un vestito di Valentino.

anemone

Il terzo giorno è stato il giorno dell’hibiscus, abbinandoli un vestito di Gucci.

ibiscus

Il quarto giorno è stata la volta della primrose a cui ho abbinato un vestito di Elisabetta Franchi.

primrose

Il quinto giorno era dedicato alla paonia e ho deciso di abbinarci un vestito di Chanel.

peonia

Il sesto giorno fu quello dell’holly hock a cui ho abbinato un vestito di Miu Miu.

holly

Il settimo giorno era dedicato al cherry blossom, con un vestito di Louis Vuitton.

cherry blossom

L’ottavo giorno era dedicato alla rosa a cui ho abbinato un vestito di Eliee Saab.

rosa

Il nono giorno era dedicato alla protea con un vestito di Valentino.

protea

Il decimo giorno è stato quello del girasole a cui ho abbinato un vestito di Salvatore Ferragamo.

girasole

L’undicesimo giorno era dedicato al cactus a cui ho pensato di abbinarci un vestito di Moncler.

cactus

Il dodicesimo giorno era dedicato al lupine, con un vestito di Alberta Ferretti.

lupine

Il tredicesimo giorno di questa challenge era dedicato all’orchidea a cui ho abbinato un vestito di Prada.

orchidea

Il quattordicesimo giorno era la volta della camation con un’altro vestito di Valentino.

roba nuova

E l’ultimo giorno, il quindicesimo fu il giorno dedicato alla pansy con un secondo vestito di Eliee Saab.

ultimo

Siamo arrivati all’ultimo disegno di questa challenge ed io spero davvero che vi sia piaciuta e che vi sia piaciuto anche il mio tocco di haute couture che ho inserito nelle illustrazioni.

Cosa ne pensate? Vi piacciono le mie illustrazioni? Fatemi sapere qui sotto nei commenti cosa ne pensate di questa challenge.

Come sempre spero vi sia piaciuto, a presto.

G.

La MFW inizia con i piumini.

La Milano Fashion Week apre ufficialmente le danze con un evento a Palazzo delle Scintille con Moncler.

Un giorno prima del calendario ufficiale Moncler inaugura la stagione con un evento speciale quello di Moncler Genius, creato in occasione di un lancio unico.

Questa incredibile novità consiste nel lancio speciale di 8 collaborazioni della maison con stilisti rinomati nel campo della couture, inaugurazione presenziata dalla più famosa influencer tedesca Caro Daur, a cui Mocler ha affidato il proprio account Instagram per la serata.

3fa56402-16b9-11e8-ace5-29063da208e4_1280x720_132422

Ad ogni designer è dedicata una particolare installazione, ognuna racchiusa sotto misteriosi tendoni ricoperti da drappeggi argentati. Sotto di questi scopriamo anche le linee di Moncler 1952, Moncler Grenoble, Moncler Craig Green, Moncler Noir Kei Ninomiya e Moncler Fragment Hiroshi Fujiwara.

Il primo designer che ha lasciato la sua firma sull’iconico piumino è Pierpaolo Piccioli, il Direttore Creativo di Valentino, che non poteva che interpretarlo diversamente dallo stile della sua maison realizzandone dei veri e propri abiti. Minimalisti (la mia maniera preferita), elegantissimi, lunghissimi e ovviamente imbottiti.

E come ci potevamo tutti aspettare ognuno dei sette creativi ha realizzato la propria interpretazione dell’essenza della casa di moda. Da Palm Angels con una speciale T-shirt a Simone Rocha con i suoi voluminosi tratti romantici.

Anche io non ho potuto fare a meno di approfittare dei saldi per prendermi un bel piumino lungo di Moncler. Sinceramente penso che sia divertente e semplice da abbinare, trasformando un outfit da casual a chic.

Cosa ne pensate di questa prima sfilata? Anche a voi piace Moncler? Cosa ne pensate del mio outfit? Fatemelo sapere qui sotto nei commenti.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.