Saccheggiando il Primark di Madrid.

Con notevole ritardo sulla mia tabella di marcia finalmente riesco a condividere con voi quello che è stato il mio primo shopping da Primark.

Come probabilmente avrete letto nel mio articolo dedicato al viaggio a Madrid (clicca qui) una tappa fondamentale è stata la sessione di shopping folle.

Abitando in una capitale in cui le marche importanti non mancano, dove avremmo potuto spendere quasi ogni centesimo del nostro budget se non da Primark? In Italia ce ne sono solo due, credo, quindi la nostra scelta è stata sufficientemente ovvia. In oltre il caso volle che il Primark più fornito di Madrid fosse quello in Gran Via alto quattro piani.

Così rimboccateci le mani partimmo per uno shopping becero e privo di riserve, districandoci per quei immensi quattro piani e questo è quello che mi sono comprata.

La prima cosa che ho adocchiato appena entrata è stata questa semplicissima felpa nera con le maniche cucite con fantasia geometriche.

DSC_0964

Non è nulla di eclatante ma mi serviva una felpa senza cappuccio da mettere al volo quando devo uscire di fretta e non ho voglia di vestirmi, lo fate anche voi?

DSC_0965

La seconda cosa, che in realtà sono due, sono queste stupende magliette che ho trovato nel reparto uomo e che il maschietto che è in me non poteva abbandonare lì, senza contare il fatto che erano pure in saldo.

La prima è di uno dei miei cult preferiti Jurassic Park, la seconda è del mio gioco preferito per eccellenza, Assassin’s Creed. Quindi affarone!

Un altro affarone sono stati questi pantaloni a vita alta con tasche molto larghe che, non avendoli nemmeno provati perché la fila ai camerini era veramente ingestibile, mi stanno veramente bene per di più sono comodissimi e sufficientemente facili da abbinare con tutto.

_20180129_113635

Un altro acquisto particolarmente insolito è stato questo parka per la pioggia di questo accesissimo arancione (anche se nella foto sembra rosso).

Il mio pensiero quando l’ho visto è stato il fatto che mi ricordasse incredibilmente il park nero che indossa la protagonista di Ghost in the Shell, Motoko, in alcune scene del film. Senza contare il colore aranciato, quindi doveva entrare a far parte del mio armadio.

DSC_0967

Ed ultimo acquisto ma non meno importante è una cosa molto speciale per me perché dopo anni che cerco di comprarne una ormai avevo perso le speranze. Addirittura pensando che la mia sfiga fosse ormai incurabile, avevo paura di perdere la valigia al ritorno. Invece per la mia grandissima gioia finalmente ho una giacca di pelle.

IMG_20180128_190107_402

Non è propriamente di pelle, è più di panno, ma si può considerare una giacca utilizzabile come una di pelle, no?

Cosa ne pensate dei miei acquisti? Anche voi adorate Primark? Vi piace la mia nuova giacca? Fatemelo sapere in un commento qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Advertisements

I miei preferiti di Dicembre.

Ebbene sì! Dopo mesi in cui per mancanza di tempo o perché effettivamente non ho avuto sotto agli occhi niente di così eclatante, ora finalmente tra regali e cosine varie ho avuto un mese pieno di cose preferite.

Iniziamo con l’abbigliamento. La maggior parte di queste cose sono regali di Natale quindi ho avuto relativamente poco tempo per utilizzarle, ma già le adoro!

La prima cosa preferita è uno splendido portafoglio di Calvin Klein. Come penso ormai sappiate dalla mia collezione di borse, io apprezzo qualsiasi articolo di questa marca perché in qualche modo evade quella parte di me in cui mi sento un automa cibernetico amante della moda. Suona strano? Probabile.

Comunque alla fine mi serviva un portafoglio piccolo ma capiente e questo è assolutamente perfetto!

DSC_0150

La seconda cosa, che in realtà sono due, sono questi maglioni presi rispettivamente da Mango e da HM. Sentendo il mio armadio sempre un più carente di maglioni e maglioncini invernali ho pensato che questi fossero perfetti per il mio stile.

Il primo per la sua stampa rigorosa ma le cuciture morbide con grandi maniche a sbuffo, e il secondo per il suo colore acceso e aranciato che tralatro copre moltissimo dal freddo.

la terza cosa sono questo paio di pantaloni a vita alta di Tally Weil.

Questi jeans sono stati una vera e propria rivelazione, non soltanto per la loro comodità ma anche per il fatto che pur essendo a vita alta non lasciano quel solito vuoto che si crea dietro alla mia schiena a causa di un punto vita troppo stretto.

Senza contare il fatto che non avendo nessun tipo di pantalone con strappi o difetti
(a causa della mia dolce metà, o anche personal shopper all’occorenza) li adoro ancora di più per la loro trasgressività!

_20180108_103704.JPG

E ultimo ma non meno importante il regalo della mia dolce metà.

Un pendente di Swaroski con il mio segno zodiacale, unico e bellissimo, che sicuramente non leverò mai più dal mio collo!

_20180108_103544.JPG

Finito con i vestiti passerei al cibo.

Dopo il giorno di Natale insieme a Caterina, una delle mie migliori amiche, siamo andate a mangiare un boccone al Mercato Centrale di Roma. Conoscevo il posto grazie a mia sorella Gaia e ai suoi studi di architettura ma non c’ero mai stata. Con mia grandissima sorpresa il posto è effettivamente incredibile e non faccio difficoltà a credere che si includa in un piano di studi architettonico.

Caterina e io però non ci siamo andate per studiarlo, ma per provare la sua cucina che devo dire è veramente ottima!

Adesso passiamo all’ultimo preferito del mese di Dicembre più legato al contesto e non tanto alla sua estetica. Sto parlando di Ghost in The Shell.

Prima anime e poi film con protagonista Scarlett Johansson nei panni di Motoko.

_20180107_183339

Lo so che ho detto più di una volta di non apprezzare i manga o gli anime non tanto per i contenuti ma per la loro realizzazione. In questo caso però mi sono assolutamente immersa in questo progetto.

Nel contesto in cui si svolge l’anime e di conseguenza il film ogni caratteristica non ha nulla di nuovo, riutilizzando cose trite e ritrite viste in qualsiasi altre film del genere, senza contare le innumerevoli riprese alla Blade Runner.

Ma poste in quel modo con quelle tematiche con il discorso della singolarità dell’essere umano non nei confronti della macchina ma della propria identità, MI PIACE DA MORIRE!

Se voleste leggerne di più su cosa penso di questo argomento fatemelo sapere in un commento qui sotto. Per il resto, cosa ne pensate dei miei preferiti di Dicembre? Voi ci siete mai stati al Mercato Centrale di Roma?

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto

G.