Qual’è il colmo per un robot?

Tratto dal fumetto 7723 di Wang Nima, Next Gen è un film di animazione visivamente appagante ma purtroppo non perfetto nella sua interezza.

Quando l’ho scoperto ci sono rimasta di stucco ma a quanto pare per questa produzione Netflix ha speso la cifra di ben 30 milioni di dollari e si direbbero soldi ben spesi vista la qualità riguardante la rappresentazione grafica dei personaggi, e del mondo futuristico in cui la storia è ambientata, iniziando proprio dalla piccola Mai, una ragazzina ribelle dai brillanti capelli viola particolarmente turbata dall’abbondono del padre. Fra lei e 7723 nascerà un dolce, seppur prevedibile, rapporto di amicizia che li porterà a combattere un esercito di robot guerrieri.

54d307ad033d1fcef1bc10e17639a6d4d3f19be5.jpg

Lo spunto secondo me più interessante è sicuramente il rapporto che gli esseri umani di questo futuro, utopico o distopico, hanno nei confronti della tecnologia ed il contrasto invece che affronta Mai nei confronti di tutte queste tecnologie che hanno invaso il “nostro” mondo. E’ inquietante quanto più i robot abbiano accumulato empatia da dispensare alle persone che amano rispetto agli effettivi essere umani divenuti più freddi e distratti, concentrati solo sui loro bisogni.

Ma sfortunatamente un titolo come questo non ha potuto esimersi dall’avere dei difetti riscontrati perlopiù nella narrazione spesso ripetitiva o banale, che non rovina il contenuto finale ma non gli permette di essere valorizzato come merita.

Next Gen è un film di animazione realizzato in computer grafica, coloratissimo e visivamente molto curato e apprezzabilissimo, ma a questa cura per l’aspetto visivo del film non corrisponde la medesima cura della trama, a volte scontata e ridondante.

Voi l’avete visto? Fatemi sapere che cosa ne pensate nei commenti qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Advertisements

INSATIABLE. Dubbi e spiegazioni. (no spoiler)

Netflix ci regala una nuova serie che qui in italia tra critiche e incomprensioni non è stata accolta come avrebbe dovuto essere.

Non sono contro la presa visione di un pubblico ignorante di ciò che sono gli aspetti più pragmatici che possono nascondersi in una serie o una pellicola che tratta di argomenti spesso ignorati o se discussi molte volte con le misure non sempre adeguate.

Al contrario perché oggi ve ne parlo proprio per farvi apprezzare progetti come questo di Insatiable, per quello che effettivamente vogliono trasmettere.

La serie tratta le vicende di un’adolescente sovrappeso di nome Patty, che affetta da disordini alimentari si sfoga costantemente sul cibo. Grazie ad un incontro spiacevole con un senza tetto la nostra protagonista passa due mesi a nutrirsi solo di cibi liquidi perdendo tutti i chili in eccesso e acquisendo l’aspetto che, secondo la sua società, caratterizza le ragazze di successo.

E’ evidente che da una serie simile ci si aspetti una costante esaltazione di quegli stereotipi che ci hanno condizionato fino a poco tempo fa.

Se lo credete siete in errore, perché invece tenta di demolirli costantemente per lasciar spazio alla comprensione di chi ha effettivi problemi con l’accettazione di se stessi. Sono decenni che ci ingozziamo di stereotipi e ora che tentiamo di demonizzare quei modi di pensare così inculcati nella nostra mente, ci sembra quasi innaturale abbandonarli.

giphy-13.gif

Insatiable è una serie che vi consiglio per la sua anima tagliente e politicamente scorretta portando alla visione dello spettatore argomenti vecchi come il mondo ma che solo oggi si mettono veramente in discussione proponendo un “black humor” che scherza su argomenti che nessuno ha avuto il coraggio di contestare. Mettendo da parte le “teen dramma” tanto seguite, come può essere Tredici, e portando all’occhio dello spettatore un taglio grottesco tipico delle “black comedy”.

Io vi consiglio nuovamente di vederla, ma vi consiglio anche di non guardarla con superficialità, rischiando di confondervi le idee in merito agli argomenti trattati.

Avete avuto modo di vedere la serie nella sua interezza? Che cosa ne pensate? Fatemelo sapere qui sotto nei commenti.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Un look da “In una galassia lontana lontana”.

Rieccoci con uno dei format che preferisco in assoluto: quando condivido con voi l’esteriorizzazione della mia personalità tramite ciò che indosso.

Ho sempre sostenuto che ciò che indossiamo non sia fondamentale per capire che tipo di persone siamo, ma sostengo il pensiero che ciò che mettiamo ci rappresenti sempre.

Vi sembra un controsenso? Perché probabilmente lo è, ma non perdiamoci in discussioni che non è il momento di affrontare.

Ieri ho pubblicato il mio ultimo articolo dedicato al mondo del “cimena”, nello specifico al film Gli Incredibili 2 (trovate qui il link), che vi consiglio di non perdere se non siete ancora andati a vederlo al cinema e vorreste un parere in più.

Comunque in questo articolo non vorrei parlarvi di nuovo del film ma piuttosto di quella giornata, perché solitamente quando penso ad un outfit da indossare penso anche alla giornata che mi si prospetta e l’altro ieri è stata una giornata non poco caotica.

La mattina sono andata diretta ad assistere agli allenamenti di tennis della mia dolce metà per poi pranzare insieme a lui preparandomi un pranzetto con i contro fiocchi. Successivamente verso le tre mi ha accompagnata alla metro per vedermi con la mia migliore amica Caterina, per dirigerci al cinema, ovviamente tutto on una certa fretta.

Non è effettivamente come una giornata di lavoro ma correre in giro per Roma con un unghia incarnita che non si sa che destino debba affrontare, non è una spasso.

Vi devo confessare che l’outfit iniziale non aveva quella magliettazza di Chewbacca ma vista indossata dalla mia dolce metà ho pensato di chiedergliela in prestito per l’occasione. Adoro inserire dettagli divertenti, per questo ho pensato che fosse assolutamente perfetta.

IMG_20180923_120654_938

IMG_20180923_121239_645

IMG_20180924_155059_228

Cosa indosso:

Magliettazza Star Wars. Simile.
Cintura Michael Kors. Simile.
Pantaloni Sisley. Simile.
Vans a scacchi.
Borsa Coccinelle. Simile.

Cosa ne pensate di questo nuovo outfit? Fatemelo sapere con un commento qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Gli Incredibili 2 (no spoiler)

Dopo quasi 14 anni di attesa è emozionante vedere che le proprie aspettative sono state rispettate in pieno dal team di Brad Bird nei confronti di una pellicola così tanto attesa in tutto il mondo.

E’ inutile sottolineare che la maggior parte delle famiglie affezionate ai classici film d’animazione Pixar si sono immedesimate almeno una volta in questa “super” famiglia, non soltanto per le loro capacità incredibili di sventare disastri (forse in quello un pò meno) ma sicuramente per la loro vita di tutti i giorni, caotica e imprevedibile.

Personalmente posso dire con certezza che la mia famiglia e io ci siamo sempre sentiti un pò gli “Incredibili di turno” per le nostre dinamiche familiari ma anche per il legame che, nonostante le avversità, ci tiene ineluttabilmente uniti l’uno a l’altro.

coverlg

Probabilmente è questa la morale che perversa nella prima pellicola dedicata a questa famiglia di supereroi, ma sta volta la situazione cambia perché quel sentimento di GIRL POWER che ultimamente domina le scene cinematografiche è particolarmente presente in questo nuovo capitolo.

Dopo aver sventato un disastro incombente, ignorando le leggi contro i supereroi, la famiglia Parr viene scaricata anche dal programma di protezione, ma proprio quando Elastigirl e Mr. Incredibile si stanno per rassegnare all’idea di una vita in fuga perenne, il magnate Winston Deavour e sua sorella Evelyn offrono una soluzione per riportare l’opinione pubblica ad amare i supereroi tramite la diffusione telematica.
Così mentre Bob rimane a casa a badare a Violetta, Flash e un sempre più incontenibile Jack-Jack, Elastigirl parte per una nuova missione.

A occhio e croce è la trama di questa nuova pellicola che devo dirvi la verità mi è piaciuta moltissimo. Non solo perché mi ha riportato alla memoria la freschezza del primo capitolo ma anche e soprattutto per la sua modernità nei concetti, dando spazio non soltanto alla denuncia da parte del villain della situazione (non vi faccio spoiler per chi non lo avesse visto) riguardante i mezzi di comunicazione ma anche sul rapporto tra produzioni cinematografiche o televisive nei confronti del sesso femminile.

Quindi se non lo aveste visto correte al cinema e per chi l’avesse visto mi faccia sapere qui sotto nei commenti cosa ne pensa.

Come sempre io spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

La Delusione.

La delusione è un’emozione che ci costringe ad aprire gli occhi e serrare il cuore, che sia verso un determinato evento o una persona.

E’ quel qualcosa che ci porta a un disagio che provoca una presa di coscienza verso speranze o previsioni. Oppure anche un fatto che smentisce o vanifica le nostre aspettative, ma in ogni caso la delusione non può essere un’emozione trascurabile o in qualche modo facilmente superabile con il tempo.

E’ uno stato d’animo che ci conduce a una costante ansia e insicurezza, portandoci a contestare qualsiasi aspetto della nostra vita.

Purtroppo la delusione può presentarsi come una nuova amica, come è successo a me, ma mi sono chiesta diverse volte che cosa potesse deludere di più, se le persone o gli eventi. La risposta è stata inutile perché ovviamente è un discorso oggettivo ma sono sicura che facciano male allo stesso modo.

La delusione che mi ha toccata particolarmente purtroppo ha riguardato un’evento lavorativo a cui tenevo molto e con cui avrei intrapreso un nuovo cammino verso quella che potrebbe essere la mia futura mansione.

Speravo potesse inserirmi nella mentalità adatta, concedendomi la giusta preparazione, ad intraprendere un vero e proprio cammino verso il lavoro della blogger professionista. Purtroppo non è andata a buon fine per motivi esterni dalle mie responsabilità e questo mi ha permesso di superare la situazione con più facilità, ma le delusioni fanno fatica a passare in fretta.

Un modo semplice per superare un momento di delusione è sicuramente cambiare mentalità, superando il pianto e le insicurezze per ricercare se stessi e concedersi del tempo per organizzare un piano B.

L’animo umano è sempre ingannato nelle sue speranze, e sempre ingannabile: sempre deluso dalla speranza medesima, e sempre capace di esserlo: aperto non solo, ma posseduto dalla speranza nell’atto stesso dell’ultima disperazione.

Cit. Giacomo Leopardi

Voi avete mai affrontato una delusione simile? Fatemelo sapere qui sotto nei commenti.

Come sempre io spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Perché amo l’estate?

Finalmente dopo settimane di inattività per cause di forza maggiore rieccomi più carica che mai!

Dopo quasi quattro anni di dedizione e stress a non finire finalmente è arrivata la soddisfazione finale che mi ha portato a questo 24 Luglio 2018 e a definirmi laureata.

Per chi fosse nuovo di questo mio canale di comunicazione io ho frequentato la triennale di Arti Multimediali e Tecnologiche all’Accademia di Belle Arti di Roma, ed è stato un percorso non soltanto interessante ma che mi ha portata a scoprire che cosa vorrei fare nella vita (oltre a fare l’illustratrice) permettendomi di accumulare non poche esperienze lavorative nel campo, così da poter esser fiera di mostrare un curriculum non indifferente per la mia età.

Sicuramente tra le altre cose non posso ignorare la presenza costante della mia dolce metà che mi ha sempre sostenuta e incoraggiata a proseguire i miei sogni che quest’anno spero, grazie ad una grandissima opportunità di cui è ancora troppo presto per parlarne, mi permetterà di approfondire le mie conoscenze e entrare ufficialmente nel mondo del lavoro.

Adesso che in qualche modo sono riuscita ad aggiornarvi in merito alla mia carriera, parliamo di tutte le cose che non sono riuscita a condividere con voi in questo periodo.

Inizio dal sottolineare che questa estate la aspettavo con ansia.

Io amo l’estate, non solo per le temperature o per le giornate di mare ma perché è il periodo dell’anno in cui faccio un punto della situazione a mente fredda e lucida e rinasco in essa rilassandomi e contemplando tutte quelle cose che. durante i mesi di lavoro e di freddo, non si ha mai il modo di dedicare del tempo.

Sicuramente una delle cose che ho apprezzato in questo periodo è stata la seconda stagione di Genius, sta volta dedicata a Picasso, e da questa ho iniziato ad apprezzare quel tipo di arte che prima non riuscivo minimamente a percepire.

Poi ho apprezzato molto (e lo sto ancora facendo) la possibilità di passare più tempo con la mia famiglia. Ultimamente abbiamo trascorso molto tempo per le vie del centro o in ristoranti nuovi da provare, questi momenti non solo sono importanti per me ma mi riportano alla mente quelle estati in cui partivamo per giorni esplorando il mondo.

Con il passare degli anni sempre più impegni ci hanno impedito di continuare questa tradizione ma è diventato più entusiasmante condividere questi momenti adesso che sono meno frequenti.

Un’altra situazione che da un mese o anche più sto affrontando è l’inserimento del colore rosso nel mio armadio.

Sapete che tengo moltissimo all’organizzazione (non solo riguardante l’ordine) dei miei vestiti, ma tengo altrettanto alle scelte di colore e l’accostamento tra loro mantenendo un tema cromatico generale.

Tutto è partito da una semplice manicure a cui ho voluto aggiungere uno smalto color ciliegia che mi ha portato, non soltanto a rivalutare l’inserimento di diverse tonalità di rosso nel mio armadio estivo, ma anche in quello invernale. Per chi mi segue anche su Instagram se ne sarà già accorto ma per tutti gli altri è ufficiale che il mio nuovo colore preferito è il rosso.

Un’altra cosa di cui mi sono follemente innamorata è il negozio Monki. Avevo già intravisto diverse volte questo negozio ma non mi ci ero mai messa veramente a spulciare sulla sua pagina internet. In due mesi avrò ordinato si e no venti pezzi, uno più bello dell’altro e di eccellente qualità rispetto ai prezzi stracciati.

Era da diverso tempo che non condividevo nulla con voi e iniziavo a sentire una mancanza non indifferente, adesso che potrò prendermi un pò di tempo per me avrò molte cose di cui parlarvi e qualche altro video da mostrarvi, magari in cui vi mostro i miei acquisti da Monki?

Fatemelo sapere in un commento qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

Vacanza familiare, con cuginanza.

Spesso e volentieri non servono pretesti per stare in famiglia e proprio per questo i miei cugini di Milano sono venuti a trovarci per un breve ma lietissimo periodo.

E’ sempre bello avere familiari a casa perché per un pretesto o un’altro si tende sempre a fare cose nuove ed esplorare nuovi luoghi in buona compagnia.

In questo caso sono venuti a farci visita soltanto due dei miei tre cugini, Cristina e Nicolò, ma forse a breve per la mia laurea potrebbero venirmi a trovare tutti. Lo spero davvero!

Però non fermiamoci su speculazioni e iniziamo questo piccolo diario di quei giorni.

Giorno 1.

Il primo giorno (ma il secondo dal loro arrivo) abbiamo direzionato i nostri impegni verso Ottaviano, la fermata della metro, prima di tutto per rifocillarsi e poi per accompagnare mia sorella Gaia dal dermatologo per poi successivamente avere la malsana idea di percorrere da San Pietro fino al Colosseo, in bici!

Per chiunque non fosse di Roma sicuramente starà pensando che sia stato un tragitto piacevole e interessante per le vie della città eterna, ma per chi fosse di Roma si sarà già messo le mani tra i capelli (adesso sono sicura al 100% che non riproverò l’esperienza).

Sicuramente l’orario che abbiamo scelto non è stato dei più indicati ma la situazione non sarebbe cambiata di molto se ci fossimo andati di pomeriggio anziché la mattina.

Comunque è stato un episodio assolutamente divertente da condividere con loro.

giorno 1.jpgGiorno 2.

Il secondo giorno l’abbiamo dedicato al rilassarci con un pò di shopping, un bagno al mare e la sera a festeggiare il compleanno di mia madre.

Sapete che io sono una fan dello shopping sfrenato e in compagnia e approfittandone dell’ottima compagnia non ho potuto evitare di fare un salto da Game Stop per procurarmi una copia di Detroit Become Human e passando da Pull and bear un paio di outfit perfetti per il resto della giornata.

La sera i festeggiamenti non potevano mancare e abbiamo passato una piacevolissima serata tra risate e buon cibo.

giorno 2.jpgGiorno 3.

Il giorno seguente è stata la giornata di esplorazione, esattamente sul lago di Bracciano. Non era la prima volta che visitavamo le sponde del lago e anche in questo caso ne abbiamo scoperto una nuova spiaggia abitata da cigni.

Approfittandone non soltanto del suggestivo paesaggio ma anche del clima perfetto, abbiamo organizzato un bel picnic sulla riva per poi spostarci al Museo Storico dell’Aereonautica Militare.

Viaggiando fin da piccola ho sempre avuto la possibilità di ampliare la mia visione del mondo e tutto ciò mi è stato concesso grazie a queste meravigliose macchine che con l’avanzare del tempo hanno raggiunto tecnologie avanzatissime, ma è sempre giusto ricordare i progressi fatti, e questo museo rappresenta in pieno questo messaggio.

3.jpgGiorno 4.

Il quarto giorno ci fu il pranzo di famiglia a casa di mia nonna, insieme alla mia dolce metà. Occasioni in cui il tavolo straborda non solo di cibo ma anche di familiari sono sempre momenti di festa.

Nel pomeriggio, andando di nuovo verso il mare, abbiamo fatto merenda insieme a amici per poi andare fuori a cena .

Come ultimo giorno intero non è stato particolarmente pieno ma sicuramente bello da condividere.

5.jpg

Sono state giornate bellissime e il giorno della partenza sembrava non voler arrivare mai, ma alla fine purtroppo questa piccola vacanza familiare è arrivata al suo termine.

Fatemi sapere che cosa ne pensate di questo piccolo diario e delle illustrazioni molto semplici che ho realizzato.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.