L’ascesa di Versailles in due stagioni.

Il cinema per me è un forma di comunicazione essenziale e in particolare per trasmettere emozioni o messaggi importanti e tra i miei generi preferiti, prima di tutti, c’è quello in costume.

Essendo un’amante della storia e dell’arte in ugual misura qualsiasi cosa riguardi la ricostruzione di quei periodi storici-artistici, dei loro sfarzi ma anche dei momenti più cupi, mi facilita l’immedesimazione appassionandomi allo studio di essi.

Infatti fu solo grazie a mezzi multimediali (videogiochi e film) che nacque questo mio amore per la cultura perché se fosse dipeso dai libri purtroppo ne sarei rimasta completamente ignorante. Probabilmente è uno dei motivi per cui sono così affezionata alla cinematografia, anche quella romanzata.

IMG_20180126_151540_392.jpg

Su Versailles e i suoi sovrani se ne è parlato, scritto e realizzato documentari e videogiochi e ad ogni sua manifestazione ovviamente si ricreare quello sfarzo e splendore, però non condiviso dal popolo francese.

Sta volta Netflix ci regala una lettura di quella che è stata la creazione e gli ostacoli alla costruzione non solo del palazzo ma anche del sistema che il Re Sole ha istituito alla sua corte.

Vi devo fare una confessione perché ogni volta che escono serie in costume la loro autenticità, nel senso di originalità dei contenuti, dipende unicamente dalla produzione. Un esempio palese è quello dei Borgia che ha una notevole differenza tra la produzione europea e quella statunitense che si concentra non tanto sulla veridicità storica ma principalmente sul fattore estetico.

Questo non è il caso di questa nuova serie, e può soltanto essere premiata.

Un altro punto a favore della ripresa è il fatto che abbiano potuto utilizzare come scenografia lo stesso palazzo che utilizzarono re e regine come dimora.

In quanto agli intrighi di corte, nemici nascosti ovunque, impegni di stato pressanti e rapporti familiari complicati, a partire dal segreto della moglie, in procinto di partorire, e dalla rivalità con il fratello Filippo, Duca d’Orlèans, che sperpera le finanze di Luigi tramando contro di lui per sostituirlo sul trono di Francia, il futuro Re Sole si destreggia abilmente su più fronti come un giocatore di scacchi.

Carattere che ricorda la lotta per il potere di Il Trono di Spade.

918HDeQsIHL._SL1500_

Avete visto anche voi Versailles? Cosa ne pensate? Fatemelo sapere in un commento qui sotto.

Come sempre spero che questo articolo vi sia piaciuto, a presto.

G.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s